Desideri e Motivazione



Quante volte vi siete ritrovati in mano un fiore di tarassaco e avete espresso un desiderio soffiando?


Bene, inizia ufficialmente una nuova settimana e oggi vorrei parlarvi proprio dei Desideri.


Sin dalle origini della filosofia, i filosofi si sono domandati quale spazio dare ai desideri, e diverse sono state le riflessioni sul tema che mi hanno colpito. Pensate che Epicuro fece una classificazione distinguendo i desideri naturali da quelli vani. Tra i desideri naturali ci sono poi quelli che interessano il Benessere, quelli che interessano la Tranquillità del corpo e quelli che individuano i desideri per la Vita come per esempio nutrimento e riposo. Mentre tra i desideri vani abbiamo quelli artificiali (ricchezza, gloria) e irrealizzabili (immortalità).


Ma, a parte il significato filosofico, perché vi ho riportato questa classificazione? Perché possiamo vedere il desiderio come quel qualcosa che ci può far muovere su un percorso che ci conduce a trasformarlo in realtà, ovvero il desiderio può rappresentare la molla che ci spinge a ricercare un sistema che ci conduca a passare dalla situazione attuale (in cui ci troviamo) a quella desiderata.


Desiderare davvero qualcosa significa conoscere il perché di quel desiderio. "Il desiderio è strettamente correlato all'azione da compiere e all'obiettivo da raggiungere, infatti è impensabile che esista un'azione quando manca un obiettivo ed è impensabile che esista un obiettivo quando manca un desiderio".


Questo discorso ti è familiare quando parliamo di Dieta, Cambiamento e Obiettivi?


Adesso ti faccio una domanda: "cosa desideri davvero?"

Prenditi qualche minuto per riflettere prima di rispondere.


Prima di iniziare qualsiasi dieta è importante capire qual è l'obiettivo.

E attenzione, questo non è per nulla scontato. Spesso, infatti, le idee risultano piuttosto confuse.

La dieta non è altro che uno strumento per raggiungere un risultato. Il punto è: quale risultato voglio raggiungere? E qual è lo strumento davvero giusto per me?


Ecco perché durante le mie consulenze punto sempre a indagare la Motivazione, a stimolare la Consapevolezza, ma a far definire gli Obiettivi direttamente ai pazienti. Solo riflettendo su ciò che vogliono veramente, poi potranno impegnarsi con costanza, superare gli ostacoli e focalizzarsi sui risultati da raggiungere.


Un errore di valutazione iniziale, o la definizione di obiettivi non ragionevoli, può portare al fallimento o ad un inevitabile insuccesso.


È importante definire sempre la Direzione del percorso che si vuole intraprendere.

"Ogni grande cambiamento, parte da tanti piccoli passi fatti in quella direzione".



Giorgia




Post in evidenza
Post recenti